Normativa di riferimento

La prima legge organica, che ancora oggi disciplina la materia e l’attività delle Società di Mutuo Soccorso, è la Legge 3818 del 15 aprile 1886: “Le società di Mutuo Soccorso conseguono la personalità giuridica nei modi stabiliti dalla presente Legge. Esse non hanno finalità di lucro, ma perseguono finalità di interesse generale, sulla base del principio costituzionale di sussidiarietà, attraverso l’esclusivo svolgimento in favore dei soci e dei loro familiari conviventi di una o più delle seguenti attività:

  1. a) erogazione di trattamenti e prestazioni socio-sanitari nei casi di infortunio, malattia ed invalidità al lavoro, nonché in presenza di inabilità temporanea o permanente;
  2. b) erogazione di sussidi in caso di spese sanitarie sostenute dai soci per la diagnosi e la cura delle malattie e degli infortuni;
  3. c) erogazione di servizi di assistenza familiare o di contributi economici ai familiari dei soci deceduti;
  4. d) erogazione di contributi economici e di servizi di assistenza ai soci che si trovino in condizione di gravissimo disagio economico a seguito dell’improvvisa perdita di fonti reddituali personali e familiari e in assenza di provvidenze pubbliche.

Le attività previste dalle lettere a) e b) possono essere svolte anche attraverso l’istituzione o la gestione dei Fondi Sanitari integrativi di cui al Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni”.

Nonostante le numerose innovazioni nell’ordinamento giuridico italiano, non si è ancora riusciti a rinnovare tale Legge, forse perché, negli anni 70 e 80 del secolo scorso si è pensato che le Società di Mutuo Soccorso fossero destinate a scomparire e ad essere sostituite da altre forme organizzative.

Il D. Lgs. 517/93 ha invece riconosciuto le Società di Mutuo Soccorso, tra i soggetti legittimati alla gestione dei Fondi Integrativi Sanitari, così come pure il successivo D. Lgs 229/99 di modifica della precedente riforma sanitaria, all’art 9 dedicato ai Fondi Integrativi del Servizio Sanitario Nazionale, prevede tra le fonti istitutive le Società di Mutuo Soccorso.

Nel D. Lgs 460/97 le Società di Mutuo Soccorso sono state confermate nella definizione di enti non lucrativi all’art. 13 bis del TUIR alla lettera i) bis, dove, accanto alla previsione della detraibilità delle erogazioni effettuate a favore delle ONLUS fino ad un massimo di £. 4 milioni, è stata inserita quella a favore dei contributi associativi versati fino ad un massimo di €. 1.291,14, alle Società di Mutuo Soccorso.

Le definizioni Società di Mutuo Soccorso e Mutue Sanitarie Integrative vengono spesso usate come sinonimi.

Attualmente molte Società di Mutuo Soccorso costituite ancora nel secolo scorso e non si occupano più di fornire direttamente servizi di assistenza legati alla malattia, alla vecchiaia, all’impotenza al lavoro, come prevede la Legge istitutiva, ma si dedicano invece principalmente ad attività di recupero del loro patrimonio storico-archivistico o di tipo ricreativo. Quelle che invece operano in conformità all’art. 1 della Legge istitutiva si sono invece dedicate alla Assistenza Sanitaria Integrativa.

Il nostro sito web utilizza i cookie per migliorare i servizi e le esperienze offerte ai visitatori. La prosecuzione della navigazione ne comporta l’accettazione. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi